Bitcoin: bitcoin mining, trading CFD di bitcoin, curiosità, storia

Bitcoin MiningI bitcoin sono stati uno dei principali fenomeni finanziari degli ultimi anni. Una valuta non-valuta che ha cambiato il modo di vedere denaro e investimenti in molti modi.
Il bitcoin è nato in realtà come sistema totalmente alternativo e molto probabilmente chi lo ha creato, non immaginava investimenti in Forex e valori fino a 20.000 dollari per un solo bitcoin. In origine doveva essere “la moneta del popolo”, una moneta che grazie alla tecnologia blockchain, poteva garantire totale sicurezza delle transazioni ed autenticità della valute grazie agli algoritmi, senza bisogno di nessuna istituzione a controllarla.

Il bitcoin grazie ad internet può essere a disposizione di tutti. A garantire il valore della moneta non c’era nessuna riserva aurifera o patrimonio, ma il valore proveniva direttamente dall’uso, dalle semplici leggi di domanda ed offerta che regolano l’economia.

Questo, grazie al fatto che le transazioni sono totalmente anonime, ha creato subito molta curiosità sul bitcoin.

Nelle idee di Satoshi Nakamoto (nome fittizio, il creatore probabilmente è un professore universitario Americano) c’era quindi l’intenzione di ridistribuire il potere economico.

Come funziona bitcoin?

Senza entrare in tecnicismi e fare lungaggini, ed evitando di ripetere cose che si trovano su Wikipedia, Bitcoin è tutto regolato da un algoritmo che ne ha previsto già il numero totale ed il ritmo di generazione.

Praticamente sin dal primo giorno, il creatore di Bitcoin sapeva già quanti bitcoin in totale sarebbero stati generati in futuro e secondo quali regole. Per evitare l’inflazione infatti (cioè riduzione del valore della moneta) il sistema prevede che la velocità di generazione di bitcoin si riduce man mano che essi vengono generati.

Il sistema per ottenere Bitcoin si chiama “mining” e richiede avere un client di bitcoin collegato alla rete per cercare di generare monete. In questo modo più monete vengono generate più risorse ci vogliono per generarne altre, per questo il mining è diventata una attività costosa che richiede molta potenza di calcolo. Se una volta c’era la speranza di usare il pc facendo mining in background ed avere la mattina trovato qualche moneta, oggi ci vogliono super computer che fanno nient’altro che mining.

Questo meccanismo ha subito fatto aumentare la domanda di bitcoin da “scambiare” perché ovviamente il mining diventa più costoso che acquistare e l’interesse a possederla è stato subito quello di un “bene rifugio”: con le grandi crisi economiche che hanno saputo mettere in ginocchio Stati Uniti ed Europa, con le grosse influenze politiche nell’economia che è sempre più accentrati tra pochi gruppi di potere ed i venti di guerra che soffiano ovunque, avere una moneta alternativa è stato visto come un’occasione ghiotta per tutti.

Per questo motivo i mercati e gli investitori, come accade sempre, sono impazziti: qualcuno ha iniziato ad investire acquistando bitcoin e gli altri non si sono fatti lasciare indietro. Molti nerd che avevano creduto nel progetto perché si identificavano con l’ideologia del Bitcoin, sono improvvisamente diventati milionari con qualche decina di dollari investita anni fa.

Bitcoin e CFD

Nei mercati Forex è ormai possibile investire in criptovalute come Bitcoin ed Ethereum, così come quasi tutti i broker di CFD (o opzioni binarie) permettono di fare investimenti sul Bitcoin. Nel corso del 2017 molte persone hanno fatto bei gruzzoletti con investimenti al rialzo, mentre il 2018 è iniziato con una discesa che alcuni avevano previsto come bolla speculativa sul punto di scoppiare, ed hanno fatto soldi investendo al ribasso.

Scopri di più su cosa sono i CFD leggendo il nostro articolo “Cosa sono i CFD?

Bitcoin fallirà?

Se qualcuno dice che, visto che il valore del bitcoin è sceso di qualche migliaio di dollari, bitcoin è una truffa che fallirà, sta sbagliando.

Se è vero che banche e Governi hanno provato a mettere le mani in tutti i modi sul Bitcoin, prima con le cattive – seminando il panico sconsigliando alle persone di investire – poi con le buone – le banche stesse hanno investito in Bitcoin ed alcuni Governi iniziano ad utilizzarli come moneta ufficiale, ad esempio la Svezia permette ai cittadini di pagarci le tasse – è anche vero che il sistema che regge Bitcoin (ed altre criptovalute) chiamato Blockchain, permette veramente di decentralizzare il potere in molti ambiti, non solo in quello Economico ed è una tecnologia che permette sempre nuove implementazioni difficilissima da controllare, anzi per molte istituzioni e anche grandi imprese, è una tecnologia da abbracciare in molti campi di applicazione.

24option.com Bitcoin Trading

Sicuramente il Bitcoin non era nato per valere oltre 20.000 dollari e per diventare la moneta più ambita dalla speculazione. O forse si: forse il creatore aveva previsto tutto e voleva dare uno scossone dimostrando a chi ha sempre controllato le monete che dal “nulla” si poteva creare qualcosa che dal basso poteva sconvolgere il mondo.

Qualsiasi cosa accada, ne avremo ancora tante da vedere sul bitcoin.