Opzioni Binarie: cosa sono e come funzionano

Condividi con gli Amici...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someone

Le opzioni binarie sembrano essere la “moda finanziaria di internet”

Ovviamente l’ultima arrivata, dopo l’euforia sul Forex duro e puro degli ultimi anni, soprattutto di quelli pre-crisi, in cui le fluttuazioni monetarie non erano così intense, ed il mondo si reggeva su un solido dualismo euro-dollaro, senza che le Banche Centrali di tutto il mondo iniziassero a giocare al ribasso per favorire le esportazioni o a stimolare le economie interne con emissioni di moneta.

opzioni binarie cosa sono

creativecommons by Allan Ajifo

Le Opzioni Binarie permettono si di investire anche sul Forex, cioè sul cambio di coppie di valute, come anche su azioni, indici e materie prime, ma in un modo assolutamente diverso da quanto il mercato permettesse in passato, agevolando di fatto l’accesso di milioni di persone in tutto il mondo alle operazioni finanziarie. Le caratteristiche uniche delle opzioni binarie sono due: la prima è che esistono solo su internet, cioè non potete andare in banca o in borsa e chiedere un opzione binaria, la seconda è che perdite e guadagni sono prestabilite.

Per chi fosse completamente a digiuno di finanza ed investimenti in borsa, bisogna specificare prima fino a che punto questo sia una grande innovazione. Bisogna sapere che quando si opera in questi settori, normalmente si deve collegare l’investimento ad un conto o un fondo, attraverso un broker, che può essere un consulente singolo, una società o una piattaforma online che ci permette di accedere ai mercati in qualunque posto ci troviamo.

Questo conto, che può essere il conto in banca o un account su un sito, ha una quantità di denaro da cui attingiamo per investire: in una normale transazione nel mercato azionario, del Forex o delle materie prime, sia in maniera diretta sia in CFD (in cui si opera su frazioni dei capitali totali), su un conto di 20.000 euro, se si investono solo 1.000 €, gli scenari sono molto variabili. Se io ho comprato 20 azioni a 50 euro l’una di una nuova società, in base alle performance della società io realizzo dei guadagni o delle perdite, che possono essere uguali, il doppio, il triplo, il quadruplo dell’investimento.

Ci sono società che sono entrate in borsa con un prezzo di 20 dollari ad azione e adesso ne valgono 800, chiunque abbia comprato una azione ci ha guadagnato 40 volte vendendola. Se al contrario, il valore delle azione fosse sceso ad un dollaro, ci avrebbero perso 20 volte. In questo modo pensate agli effetti che questo può avere sul conto che avete, può aumentare vendendo le vostre azioni ad un prezzo 40 volte maggiore, o semplicemente potete perdere tutti i soldi che avete sul conto, non solo quelli spesi nell’investimento di mille euro. In tutto questo puoi ci sarebbe da comprendere molti concetti che necessitano di pagine e pagine per comprenderli ad esempio come si calcola il guadagno o la perdita e cioè cosa significa “differenza tra valore di mercato e strike price” .

Con le opzioni binarie invece è tutto più semplice: quanto perdete e quanto guadagnate si sa già dall’inizio. Un opzione binaria ha infatti un prezzo, una scadenza ed un “premio”. Il premio è stabilito su un percentuale dato normalmente dal broker con cui operate: potete comprare un opzione a 100 dollari, con un premio del 300%, o decidere di investire al ribasso, cioè scommettendo su una svalutazione della stessa (in gergo si chiama short), ed avere lo stesso risultato. Potete vincere il 300% dei soldi investiti o semplicemente niente, perdendo l’investimento iniziale. Questa situazione è impossibile con qualsiasi altro strumento finanziario, conoscendo in anticipo perdite e guadagni.

Bisogna dire che le opzioni binarie non sono particolarmente amate dagli esperti di finanza. Affezionati ad un mondo complesso fatto di informazioni costanti, studi, formule matematiche ma anche tanta fortuna ed euforia, non riescono a trovare la stessa ebbrezza conoscendo in anticipo un margine di guadagno considerato per loro basso, anche con il vantaggio di una perdita limitata. Molti di loro le definiscono scommesse per la gente comune che vuole giocare che non vanno confuse con dei veri investimenti.

Questo in parte è vero ma fa anche la fortuna delle persone che si avvicinano al mondo delle opzioni binarie. Difatti se con altri strumenti di investimento bisogna essere continuamente aggiornati su cosa accade nel mondo, nei mercati e nei settori in cui investiamo, dando occhiate continue alla piattaforma di trading per osservare l’evoluzione e prendere i guadagni prima che le cose mutino in peggio o fermare perdite pericolose chiudendo le posizioni aperte, con le opzioni binarie bisogna solo attendere la scadenza. Non può accadere nient’altro che perdere o vincere una cifra che già conosciamo.

Questo ovviamente non deve indurre all’eccesso: senza una conoscenza basica del mondo finanziario e degli asset su cui investiamo non dovremmo operare nemmeno con le opzioni binarie: se compriamo un’opzione sul cambio euro-dollaro o sulle azioni di Facebook, dobbiamo sempre sapere cosa facciamo e perché secondo noi quelle azioni o quel tipo di cambio aumenteranno di valore e bisogna sempre andarci con cautela.

Anche perché è vero che posso comprare una opzione con meno di 100 euro e perdere solo quella cifra, ma se perdo 10 volte 100 euro, ho perso già mille euro. E una opzione andata a buon fine non mi ripagherà mai di tutte le 10 andate male.

Condividi con gli Amici...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInPin on PinterestShare on StumbleUponShare on TumblrEmail this to someone